Archivio per Alan Shepard

Un carrettino sulla Luna

Posted in Storia, Tecnologia with tags , , , on 28 ottobre 2012 by raghnor

Il MET durante la EVA2 di Apollo 14

Tra i commenti dei primi equipaggi a sbarcare sulla Luna, la Technical Services Division dell’MSC affrontò quello relativo alla difficoltà di portare in giro tutti gli attrezzi necessari per effettuare i campionamenti geologici. La proposta fu quella di dotare gli equipaggi futuri (a partire da quello di Apollo 14) di un ‘carrettino’.

Il Modular Equipment Transporter (MET) era proprio un carretto a due ruote; chi lo aveva ideato ci vedeva un sistema adeguato per migliorare la capacità degli astronauti di esplorare la superficie lunare, seppur all’interno dei limiti dettati del fatto di muoversi comunque a piedi.

Gli astronauti soprannominarono il MET “the rickshaw”, “il risciò”

Continua …

Annunci

Gli Uomini: Alan Shepard

Posted in Biografie with tags , , , on 6 febbraio 2011 by raghnor

Alan Shepard

Nome Completo: Alan Bartlett Shepard, Jr.

Nato il: 18 Novembre 1923 a Derry, New Hampshire

Morto il: 21 Luglio 1998 a Pebble Beach, California

Ruolo: Astronauta (NASA Group 1 – “Mercury Seven”)

Missioni: Freedom 7, Apollo 14

Onorificenze Ricevute: Congressional Medal of Honor (Space); 2 NASA Distinguished Service Medals, 1 NASA Exceptional Service Medal, le Navy Astronaut Wings, la Navy Distinguished Service Medal, e la Navy Distinguished Flying Cross; 1 Langley Medal (la più alta onorificenza della Smithsonian Institution, il 5 Maggio 1964), il Lambert Trophy, il Kinchloe Trophy, il Cabot Award, il Collier Trophy, la Medaglia d’oro della città di New York (1971), l’Achievement Award per il 1971. Shepard è stato designato dal Presidente USA come delegato alla 26a Assemblea Generale dell’ONU (da Settembre a Dicembre 1971).

Alan Bartlett Shepard, Jr. è nato a Derry, New Hampshire dal Ten. Col. Alan B. Shepard, Sr. e da Renza (Emerson) Shepard. Ha iniziato la sua carriera nella Marina dopo aver completato gli studi alla United States Naval Academy nel 1944. Ha servito sulla USS Cogswell nell’Oceano Pacifico durante la Seconda Guerra Mondiale. Successivamente ha iniziato il corso di pilota alle basi di Corpus Christi, Texas e Pensacola, Florida. Ha ricevuto le ali da pilota nel 1947 ed è stato assegnato al Fighter Squadron 42 di stanza presso le basi di Norfolk, Virginia e Jacksonville, Florida. Con questo squadrone ha prestato più turni di servizio sulla portaerei nel Mediterraneo. Nel 1950 ha seguito il corso di pilota collaudatore presso la base di Patuxent River, Maryland. Dopo averlo completato ha partecipato ad una serie di test tra cui: test di velivoli ad alta quota; test ed esperimenti sul sistema di rifornimento il volo della Marina; test di utilizzo dei velivoli F2H-3 Banshee sulle portaerei; e i test delle prime portaerei con il ponte trasversale. Successivamente è stato trasferito al Fighter Squadron 193 presso la base di Moffett Field, California. È ritornato a Patuxent per un secondo corso di pilotaggio e per i test dei velivoli F3H Demon, F8U Crusader, F4D Skyray, e F11F Tiger. È stato anche pilota di test per l’F5D Skylancer, e nei suoi ultimi 5 mesi a Patuxent, istruttore presso la Scuola per Piloti Collaudatori. Ha poi seguito un corso di studi presso il Naval War College a Newport, Rhode Island e al termine, nel 1958, è stato assegnato allo staff del Comandante in Capo della Flotta Atlantica. Il suo libretto di volo conta più di 8000 ore di volo, 3700 delle quali su aerei a reazione.

Continua a leggere

Le Missioni: Apollo 14

Posted in Missions with tags , , , on 31 gennaio 2011 by raghnor

Dopo una lunga pausa, torna un post dedicato ai quarantennali delle missioni Apollo. Apollo 14 rappresenta il ritorno al volo dopo l’incidente di Apollo 13: capsule e procedure riviste alla luce di quell’esperienza (qui ho descritto alcuni di questi cambiamenti). Il primo astronauta americano come comandante e due novellini nell’equipaggio per una missione che segna uno spartiacque tra le prime missioni (orientate più alla rifinitura delle tecniche e alle procedure che non all’esplorazione) e quelle estese che seguiranno (in cui l’esplorazione e al scienza faranno da padrone).

L’equipaggio di Apollo 14

Data: 31 Gennaio 1971 21:03:02 UTC
Launch Pad: 39A KSC
Equipaggio: Alan B. Shepard, Jr (CDR), Stuart A. Roosa (CMP), Edgar D. Mitchell (LMP)
Highlights: 33.5 ore di permanenza sulla superficie lunare; completate 2 EVA per un tempo totale di 9 ore e 25 minuti; 67 ore trascorse in orbita lunare; unica missione ad utilizzare il MET; unica missione ad aver portato un astronauta del programma Mercury sulla Luna; la più lunga traversata a piedi durante una EVA; prima missione ad aver utilizzato una telecamera per riprese a colori (vidicon tube); prima missione con un programma esteso di esperimenti scientifici a bordo del CSM in orbita lunare; prima missione ad utilizzare la procedure di rendezvous breve (Direct Rendezvous).

Mission Patches

Apollo 14 è stata l’ottava missione con equipaggio del Programma Apollo, il terzo ad allunare. Fu l’ultima delle missioni di tipo H e gli astronauti rimasero sulla superficie per due giorni compiendo 2 EVA.
Il lancio avvenne il 31 Gennaio 1971, la durata prevista era di 9 giorni. Al comando della missione Alan Shepard, primo americano nello spazio. Fu l’astronauta più anziano a raggiungere la Luna e l’unico che avesse partecipato al Programma Mercury. Questa missione fu un successo personale molto importante per Shepard, che dopo il suo volo iniziale era stato relegato a terra a causa del manifestarsi della Sindrome di Ménière. In seguito ad un riuscito intervento chirurgico d’avanguardia, fu in grado di rientrare in servizio attivo nel 1968. L’equipaggio di questa missione era stato inizialmente assegnato ad Apollo 13, ma nel 1969 gli amministratori della NASA (per la prima volta) si intromisero nella scelta di Deke Slayton e scambiarono gli equipaggi delle missioni 13 e 14.

Continua a leggere