Archivio per Buzz Aldrin

The Space Ballet – Il Rendezvous (1)

Posted in Scienza, Storia with tags , , , on 10 febbraio 2013 by raghnor

Eagle di ritorno dalla Luna

In una serie di post tempo addietro, ho raccontato come la NASA arrivò a scegliere il LOR, Lunar Orbit Rendezvous, come strategia per raggiungere l’obiettivo del programma Apollo: l’allunaggio entro la fine degli anni ’60. In questo e nei prossimi post, l’aspetto storico lascerà poi il posto alle tecniche studiate e messe in pratica per completare con successo la manovra fondamentale per il LOR: il rendezvous.

La definizione di rendezvous è semplice: si tratta di una manovra orbitale durante la quale due veicoli fanno coincidere i parametri delle loro orbite e si incontrano in un determinato punto di questa orbita. Il rendezvous richiede che la velocità orbitale dei due veicoli sia la stessa in modo da permettere loro di rimanere vicini, mantenendo una distanza costante e ridotta; una condizione chiamata station-keeping. Una volta completato il rendezvous i due veicoli sono nella condizione ottimale per una eventuale manovra di docking.

Si tratta sicuramente della manovra più complessa realizzata nel corso di una missione lunare dell’Apollo: la perfetta orchestrazione di tutte le fasi richieste per far si che CSM e LM si reincontrassero in orbita lunare ha fatto coniare l’espressione ‘orbital ballet’, la complessità ha fatto si che la manovra venisse etichettata come ‘pericolosa’ e ‘critica’. Non occorre però arrivare ai complessi dettagli matematici utilizzati per arrivare a comprendere l’intero ‘balletto’. Prima però un po di storia (poca, promesso).

Continua a leggere

The Wonder of It All – Film

Posted in Recensioni with tags , , , , , , , on 10 ottobre 2010 by raghnor

La copertina del DVD

Ho ricevuto la segnalazione dell’esistenza di questo documentario da Alberto, un visitatore del blog, via mail all’inizio di Agosto. Complici le vacanze lontane dal computer e l’agenda dei post già definita, la visione e questa recensione sono slittate fino ad oggi.
Il documentario è del 2007, dura 82 min ed ha un sito ufficiale. Il regista è Jeffrey Roth.

Un aspetto importante di questo documentario, che lo differenzia da altre pellicole come In the Shadow of the Moon, è che qui la scena è tutta per gli astronauti: tutto il film è basato sulle interviste che Alan Bean, Charlie Duke, John Young, Buzz Aldrin, Edgar Mitchell, Gene Cernan, Harrison Schmitt (in rigoroso ordine sparso) hanno rilasciato al regista.

La sequenza iniziale è una ripresa di parte della Terra con una Luna che a poco a poco sorge da dietro di essa, il tutto accompagnato da una carrellata di spezzoni audio tratti da quel periodo (Kennedy che parla della crisi di Cuba, la notizia dell’intensificarsi dell’impegno americano in Vietman, la morte di MLK … e naturalmente il classico “I believe that this nation should commit itself …”): una bella idea per inquadrare storicamente il momento del progetto Apollo. A completare questa parte c’è un intervento di Cernan in cui ricorda che per comprendere la sfida lanciata da Kennedy occorre contestualizzarla in quel periodo storico (gli anni 60), con i russi che avevano lanciato lo Sputnik e poi Gagarin (primo uomo in orbita) dimostrando la loro superiorità, il Vietnam, le contestazioni nei campus, la morte dei principali leader (MLK e poi lo stesso Kennedy) ed altri eventi.
Il film risulta poi organizzato in piccoli capitoli, identificati da brevi titoli come Choosen o Fear o The Moon e in ciascuno di essi viene trattato un diverso argomento (Choosen per esempio è la parte dedicata al come e al perchè proprio su queste persone sia caduta la scelta).

Continua …

Buon Compleanno Dr Rendezvous !

Posted in Anniversario with tags , on 20 gennaio 2010 by raghnor

Oggi Buzz Aldrin compie 80 anni. Se volete potete inviare gli auguri a questo arzillo vecchietto tramite il suo sito web BuzzAldrin.com o su Twitter (TheRealBuzz).

Troverete un invito da parte di Aldrin a fare una donazione per il terremoto ad Haiti (per quanto mi riguarda ho già provveduto, Medici Senza Frontiere)
Godspeed, Dr Rendevouz !!!