Archivio per Tom Kelly

Moon Lander – Il Libro

Posted in Recensioni with tags , , on 11 settembre 2016 by raghnor

La Copertina

Dopo un po’ di tempo ho trascorso qualche giorno in compagnia di un bel libro sul Progetto Apollo. E nello specifico la storia del Modulo Lunare, scritta da Tom Kelly, l’ingegnere aerospaziale che ha guidato il team della Grumman, responsabile della progettazione e realizzazione del veicolo che ci ha permesso di allunare.

La prima edizione del libro è del 2001, e la sua stesura ha richiesto 6 anni di lavoro. Non è quindi un libro recentissimo; un fatto comune a parecchi dei libri sull’Apollo scritti da testimoni diretti del progetto.

Il testo è suddiviso in 3 parti.

La prima è dedicata al periodo in cui Kelly e i suoi colleghi hanno lavorato alla proposta da presentare alla NASA. I dettagli sulla preparazione dell’offerta sono davvero tanti: dalla formazione del team alle decisioni su come impostare e come presentare la proposta. Alla fine la proposta vincente risultò essere lunga all’incirca 100 pagine. Merita una menzione anche la parte dedicata alla lunga negoziazione con la NASA, dopo essersi aggiudicati l’appalto. In questa parte, come nelle altre, è interessante come Kelly offra sempre descrizioni puntuali e mai banali dei suoi interlocutori, descrizioni sia sull’aspetto fisico che sul carattere.

Continua a leggere

Annunci

The Apollo Spacecraft (5) – il Lunar Module (1a Parte)

Posted in Storia, Tecnologia with tags , , , , , on 28 novembre 2010 by raghnor

“Abbiamo ottenuto la commessa nel Novembre del 1962, non avevamo mai costruito una capsula spaziale con equipaggio. Nessuno era un esperto a quei tempi, e ci chiesero di costruire un veicolo per far atterrare l’uomo sulla Luna.” – Thomas ‘Tom’ J. Kelly, Grumman’s chief engineer for the Lunar Module

“Il mio primo pensiero fu che quel ‘coso’ era orrendo. Sebbene sapessi esattamente perché avesse quell’aspetto, questo non mi era di alcun aiuto. Ero un pilota di caccia ed ero abituato alle forme aerodinamiche e all’aspetto piacevole dei jet ad alte prestazioni, ed eccomi ad osservare questo … questo … ‘coso’.” – Ed Mitchell, Apollo 14 LMP

“Lo chiamavamo ‘la Cimice’. E a me dava l’idea di un gigantesco mostro che stava per saltare addosso a New York City.” – Gene Cernan, Apollo 17 CDR

L’Apollo Lunar Module (LM) era il componente dello stack progettato per allunare (il cosiddetto lander) con due astronauti a bordo e riportarli poi in orbita per il rendezvous con il Command / Service Module. In questo primo post ad esso dedicato ripercorreremo brevemente la sua storia.

Nel periodo 1969 – 1972 furono 6 i LM a completare con successo le operazioni di allunaggio e rendez-vous; un altro, l’LM-7 ‘Aquarius’, si rivelò una preziosissima scialuppa di salvataggio. Si trattava di una capsula incapace di volare nell’atmosfera e si può ragionevolmente considerare il primo veicolo esclusivamente spaziale. Era fondamentalmente costituito da due parti: il Descent Module e l’Ascend Module.
Il Descent Module era la parte dedicata all’allunaggio, comprendeva il motore di discesa, le gambe per l’allunaggio e, in appositi spazi, vi trovava posto tutta l’attrezzatura necessaria alle attività extraveicolari da svolgersi sulla Luna.
L’Ascend Module era la parte ‘abitata’ del LM, la sua cabina pressurizzata fungeva da cabina di pilotaggio e da casa per i due astronauti durante la permanenza sulla superficie; era anche la parte che ripartiva dalla superficie (spinta da un suo motore) per riunirsi con il CSM in orbita.

Continua a leggere