Regalo di Natale

Anche quest’anno alla faccia dei Maya🙂 siamo arrivati al Natale. Auguro a tutti i miei lettori e alle loro famiglie di trascorrere in felicità e armonia queste feste.

E dato che non è Natale senza un bel regalo, quest’anno ho preparato per tutti voi un bell’ebook! Ho raccolto il materiale che ho preparato nel corso degli anni sul Saturn V e ne ho realizzato un EPub.

Questa è la cover:

Lo potete scaricare qui (Dropbox permettendo), la dimensione è di 1,7 Mb. Fatemi sapere cosa ne pensate: potrei anche di realizzarne altri.

TANTI AUGURI !!!

17 Risposte to “Regalo di Natale”

  1. Giampiero Says:

    Innanzitutto Buone Feste, e proseguo con un sentitissimo grazie per le interessantissime (ma quanti superlativi …!) letture che ci ha fatto leggere quest’anno.
    Grazie ancora.

  2. Buon Natale e Felice Anno nuovo a te e ai tuoi lettori!
    Luigi

  3. Buon Natale al padrone di casa e a tutti i lettori del blog!😀

    Ho appena scaricato l’e-book, lo guarderò con calma nei due giorni festivi a venire.

  4. alaskalit Says:

    Contraccambio gli Auguri. Cosa mi consigliate di usare per leggere il formato epub (sono absolute beginner)? Con android (2.2.2) non viene indicato in anticipo quanto è grande il file che si scarica quindi domanderei di indicare accanto al link un ordine di grandezza del file di cui si intende attivare il download.

  5. alaskalit Says:

    Ok, ho convertito il file epub in pdf con http://www.online-convert.com/

  6. @alaskalit non esiste Stanza per Android? La dimensione del file ė circa 1.7Mb (grazie per il suggerimento, provvedo subito ad aggiungerlo)

  7. Augurissimi di buon Natale a tutti!!! … un grazie speciale al Tr@anquillityBase man🙂

  8. alaskalit Says:

    Il file è ottimo. In versione ebook non sono riuscito a leggerlo, ho però optato per il pdf. Complimenti raghnor. Continua così. Auguroni a tutti da alaskait.

  9. Grazie Raghnor! Felice Natale, anche se un po’ tardino, e un serenissimo 2013 con tante ulteriori notizie e curiosità !!!
    Ivan

  10. Si conoscono i punti in cui sono precipitati i primi stadio di ogni lancio? Esiste un “cimitero” immagino marino, in cui riposano gli stadi ritornati a terra praticamente intatti oppure rientravano con paracadute e poi venivano recuperati?

  11. Stefano Oss Says:

    Carissimo,

    grazie di cuore del bellissimo lavoro. Come tutti gli altri che hai pubblicato, utilizzo i tuoi testi nel corso che tengo di storia di astronautica. Bravo, davvero.

  12. alaskait Dice:
    26 dicembre 2012 a 9:31 am

    Si conoscono i punti in cui sono precipitati i primi stadio di ogni lancio? …

    No, non si conoscono con precisione i punti di rientro dei primi stadi né sono mai stati recuperati. Sono ancora in fondo al mare. Jeff Bezos, il fondatore e CEO di Amazon, ha dichiarato circa 9 mesi fa che il primo stadio di Apollo 11 era stato individuato al largo di Cape Canaveral e avrebbero provveduto a recuperarlo per poi mettere i motori in mostra in qualche museo. Allo stato attuale delle cose in realtà non se ne sa nulla, e probabilmente non se ne farà nulla, perché la profondità e la difficoltà del recupero non sono cosa da poco.
    L’unica cosa che ha provocato la “sparata” di Bezos ha fatto è stato spingermi a fare questa vignetta😀

  13. @ Vittorio: la vignetta è proprio centrata :-))
    Se i primi stadio sono rientrati senza paracadute da 63 km di quota, saranno rimasti pochi rottami però cercarli e verificare cosa resta mi sembra una gran bella sfida. Recuperare un F1 anche se un po’ ammaccato, rappresenterebbe un’ottima preda…

  14. @Vittorio ah ah ah proprio azzeccata

  15. Fabrizio Says:

    grazie 1000 per tutto il tuo lavoro. grazie a chi come te e Pizzimenti aiuta noi Italiani a conoscere questo straordinario viaggio

  16. FeFeSofT Says:

    Con immenso ritardo auguroni e grazie per tutti i post veramente belli.

    Il libro è stato graditissimo, ottima iniziativa, potrebbe essere una forma di salvataggio, consultazione off-line di questo fantastico blog.

    Grazie e ancora auguri a te e a tutte le persone a te più care.

  17. Complimenti per il blog e grazie per l’ebook: estremamente interessante e ben scritto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...