Gli Uomini – Bill Anders

Bill Anders – Ritratto Ufficiale

Nome Completo: William Alison Anders

Nato il: 17 ottobre 1933 a Hong Kong

Ruolo nel Progetto: Astronauta (NASA Group 3 – “The Fourteen”)

Missioni: Apollo 8

Onorificienze Ricevute: Distinguished Service Medals della US Air Force, NASA e della Nuclear Regulatory Commission; Air Force Commendation Medal; National Geographic Society’s Hubbard Medal per l’esplorazione; Collier, Harmon, Goddard and White Trophies; American Astronautical Society’s Flight Achievement Award. Ha ricevuto anche alcune lauree honoris causa.

Nato a Hong Kong nel 1933, Bill è figlio di Muriel e Arthur “Tex” Anders. Tex era un militare americano di stanza sulla USS Panay, una nave in pattuglia sul fiume Yangtze (in Cina). Durante l’attacco giapponese del 1937 a Nanchino, Bill e la madre dovettero lasciare il paese. Il padre si distinse durante quell’azione tanto da meritare la Navy Cross. Con un simile modello, Bill crebbe con un forte spirito patriottico, determinato a servire il suo paese e a lasciare un segno.

Anders frequentò la scuola d’obbligo a Denver in Colorado. A partire dal 1951 studiò presso l’accademia della marina militare americana, la United States Naval Academy ad Annapolis nel Maryland. Nel 1952 Bill incontrò Valerie Hoard: l’attrazione tra loro fu immediata e Anders realizzò di aver trovato la donan con cui condividere la sua vita. Quando un giovane generale visitò Annapolis e parlò delle megliori possibilità di carriere nell’Aereonautica, Anders decise di seguire il consiglio. Dopo essersi laureato nel 1955, Bill venne accettato nella Air Force. Il suo primo assegnamento fu come pilota di caccia in uno squadrone dell’Air Defense Command addestrato a volare in ogni condizione metereologica: in questo rulo partecipò ad alcune azioni di intercettazione di bombardieri sovietici.

La dedizione di Bill era totale, come Valerie ebbe modo di scoprire nel 1957. Bill fu raggiunto dalla notizia della nascita del figlio mentre era in volo per una esercitazione sulla manovre di intercettazione (all’epoca si trovava alla Hamilton Air Force Bas, San Francisco). Diede un’occhiata al livello del carburante e rispose al controllore che lo aveva informato: “Possono aspettare. Ho ancora i serbatoi mezzi pieni.” Dopo l’atterraggio si precipitò da sua moglie e dal neonato.

Ottenne un secondo titolo universitario nel 1962, una Laurea in Fisica e Tecnica Nucleare all’Air Force Institute of Technology della Wright-Patterson Air Force Base in Ohio. Presso un apposito laboratorio per l’evoluzione di armi, sito nel Nuovo Messico, collaborò alla ricerca di possibilità tecniche per la protezione da radiazione derivante da attacchi nucleari. Nel corso della sue carriera ha collezionato più di 5000 ore di volo.

Nel 1963, Bill udì alla radio l’annuncio che la NASA era alla ricerca del terzo gruppo di astronauti. Dopo aver realizzato di essere in possesso di tutti i requisiti necessari, decise di presentare la domanda e venne selezionato. Venne presentato al pubblico il 18 ottobre 1963. Fu uno dei primi astronauti a pilotare il Lunar Landing Training Vehicle (LLTV), veicolo appositamente costruito per esercitarsi all’allunaggio con il Lunar Module.

Il suo primo incarico per il programma Gemini fu quello di pilota dell’equipaggio di riserva per la missione Gemini 11 programmata per settembre dello stesso anno. Durante la missione Gemini 12, a novembre del 1966 svolse il ruolo di Capcom. Non ebbe mai però l’occasione di volare nel corso del programma Gemini.

Anders dovette aspettare l’evoluzione del programma Apollo per ottenere la sua prima missione nello spazio. All’atto dell’annuncio degli equipaggi per i primi voli del programma, Anders venne assegnato alla cosiddetta missione E. La costruzione del modulo lunare fu però ritardata e pertanto la NASA fu costretta a cancellare la missione. L’equipaggio, composto oltre che da Anders dal comandante Frank Borman e dal pilota del modulo di comando James A. Lovell, venne incaricato di effettuare una missione Apollo verso la Luna; una missione C’ (C prime), inserita tra le missioni C e D, nota come Apollo 8.

Il 21 dicembre 1968 venne effettuato il lancio di Apollo 8 con a bordo Borman, Lovell e Anders. Per lui questo fu il suo primo ed unico volo nello spazio. La Notte di Natale venne trasmessa la prima diretta da una capsula Apollo in orbita intorno alla Luna. Durante questa diretta, gli astronauti Borman, Lovell e Anders lessero i primi versi del libro della Genesi (il racconto della creazione della Terra) dalla Bibbia.

Al rientro dalla missione, Anders venne immediatamente assegnato all’equipaggio di riserva per Apollo 11. Il suo incarico fu di sostituto del pilota del modulo di comando Michael Collins.

Anders lasciò la NASA il 1 agosto 1969. Si congedò pure dall’aeronautica militare con il grado di generale maggiore. Nel giugno del 1969 era già stato nominato dal presidente Nixon come membro di un collegio di consulenza incaricato di sviluppare moduli per la ricerca, lo sviluppo, la programmazione e l’esecuzione di sistemi aerei e per il volo nello spazio. Il 6 agosto 1973 Anders venne nominato membro della Commissione per l’energia atomica (composta da cinque persone). Gli venne assegnato l’incarico di responsabile per le ricerche sull’energia nucleare e non nucleare. Contemporaneamente fu presidente di un programma di scambio tecnologico americano-sovietico nell’ambito del nucleare.

Bill Anders oggi

La commissione per l’energia atomica venne sciolta nel 1975 e sostituita da un ente di governo (Nuclear Regulatory Commission, NRC) responsabile per la tecnologia e la sicurezza nucleare nonché per questioni di salvaguardia dell’impatto ambientale. Anders ne divenne il primo presidente. Nel 1976 assunse l’incarico di Ambasciatore americano in Norvegia. Dopo 26 anni di servizio per il suo paese, Anders passò all’industria nel settembre del 1977, diventando direttore del reparto di prodotti nucleare della General Electric Company in San Jose, California. All’inizio dell’anno 1980 venne promosso General Manager della Divisione Apparecchiature Aeree, sempre nella stessa società, trasferendosi ad Utica (New York). E’ andato in pensione nel 1994. E’ padre di quattro figli e due figlie. Ama andare a pesca, volare (lo fa ancora abitualmente su vecchi aerei militari di cui cura il restauro), il campeggio, lo sci d’acqua e quello di fondo nonchè il calcio.

Anders è accreditato ufficialmente dalla NASA e anche dai suoi compagni di missione come colui che ha scattato le prime foto di un Earthrise, ovvero la Terra che sorge dall’orizzonte lunare. In merito ha una volta dichiarato:

“I instantly thought it was ironic; we had come all this way to study the moon, and yet it was this view of the Earth that was one of the most important events for Apollo 8. There are basically two messages that came to me. One of them is that the planet is quite fragile. It reminded me of a Christmas tree ornament. But the other message to me, and I don’t think this one has really sunk in yet, is that the Earth is really small. We’re not the center of the universe; we’re way out in left field on a tiny dust mote, but it is our home and we need to take care of it.”

“Ho realizzato subito l’ironia in questo; ci eravamo fatti tutta quella strada per studiare la Luna, ed questa vista della Terra era uno degli eventi più importanti di Apollo 8. Sono due i messaggi che mi arrivano. Il primo è che il pianeta è fragile. Mi ha ricordato un addobbo per l’albero di Natale. Ma l’altro messaggio, che non penso di aver ancora assimilato veramente, è che la Terra è veramente piccola. Non siamo il centro dell’Universo; ci ritroviamo a vivere su un minuscolo granello di polvere, ma è casa nostra e dobbiamo prenderecene cura.”

In virtù del suo ruolo nel programma Apollo, del suo impegno nella preservazione degli aerei militari e delle attività di promozione dei programmi futuri di esplorazione spaziale, William Alison Anders è stato onorato con l’iscrizione nella National Aviation Hall of Fame.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...