Mission Patch: Apollo 15

La mission patch di Apollo 15 venne disegnata dallo stilista italiano Emilio Pucci e modificata in alcuni dettagli da Scott, Irwin e Worden.

I tre membri dell’equipaggio avevano valutato 540 diverse proposte ma nessuna aveva incontrato i loro favori. Attraverso un amico comune chiesero a Pucci di aiutarli. Il risultato dello sforzo creativo dello stilista fu una patch di forma quadrata con i tre uccelli stilizzati realizzati nei caratteristici colori blu, viola e verde della Maison Pucci. Le tre figure rappresentavano ovviamente i tre astronauti e la loro disposizione, con uno posto al di sopra degli altri due, ben rappresentava la situazione che si sarebbe venuta a creare in orbita lunare (due scendevano sulla superficie, uno restava ad attenderli).

Scott e soci, pur apprezzando molto il design, modificarono la forma da quadrata a rotonda, mantennero gli uccelli stilizzati ma scelsero i colori rosso, bianco e blu, molto più patriottici. Con gli stessi colori venne realizzato il bordo della patch, in cui si trovano il nome della missione (in alto) e quelli dei tre membri dell’equipaggio (in basso). I tre decisero di mettere sullo sfondo una riproduzione della superficie lunare, quella dell’area scelta per l’allunaggio: è ben visibile in alto a sinistra una riproduzione molto fedele dell’Hadley Rille ai piedi delle Appenine Mountains. A destra delle figure stilizzate il bordo di alcuni crateri va a formare il numero “15” in cifre romane (XV). Rispetto all’originale, venne deciso anche di eliminare il contorno bianco attorno agli uccelli stilizzati e all’interno del bordo rosso.

Un paio di curiosità sulle mission patch in generale:

  • con l’eccezione della patch di Apollo 8 (dalla caratteristica forma triangolare), per tutte le altre veniva ritagliata una toppa quadrata attorno alla patch stampata sul beta cloth anzichè seguire un taglio attorno alla forma. Questa toppa veniva poi cucita sulla tuta

  • le patch che si vedono applicate sulle tute esposte nei musei non sono quelle utilizzate nel corso della missione: la procedura standard dopo il ritorno a Terra prevedeva che la patch venisse rimossa dalla tuta e donata all’astronauta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...