“In the Shadow of the Moon” – DVD

Uno dei motivi per cui ho iniziato questo blog è perchè ho scoperto a mie spese che è difficile reperire informazioni sul Progetto Apollo in italiano. Lo stesso vale non solo per siti web e libri ma anche per tutti i contenuti multimediali e per i film.
Inizio con questo post a fornire dei suggerimenti a chi decidesse di cimentarsi con la lingua della Perfida Albione e provare ad accedere ad alcune delle fonti che uso io stesso per questo sito.

La Copertina del DVD

La Copertina del DVD

E parto con “In the Shadow of the Moon”, un film distribuito nel 2007 che non mi risulta abbia mai raggiunto l’Italia nemmeno nella distribuzione come DVD (figuriamoci nelle sale). È disponibile su Amazon UK per chi decidesse di acquistarlo.

Si tratta di un film documentario realizzato mettendo insieme spezzoni noti ed inediti dagli archivi della NASA e nuove interviste realizzate in esclusiva con alcuni degli astronauti che completarono il viaggio dalla Terra alla Luna, probabilmente una delle ultime occasioni vista l’età. Spicca l’assenza di Neil Armstrong. Tra i presenti i più spiritosi e brillanti in assoluto Alan Bean e Mike Collins.

Le immagini di archivio sono state ben restaurate nel limite del possibile (se il film originale è rovinato molto si vede) e portate in alta definizione.

Il film si sviluppa come una carrellata veloce attraverso la storia del progetto da diversi punti di vista usando immagini delle televisioni, immagini NASA e le parole degli astronauti. Non manca un ricordo di Kennedy (affidato al suo storico discorso al Congresso, alle immagini di una sua visita alla NASA).

L’incendio di Apollo 1  viene ovviamente citato e qui è toccante ascoltare il ricordo di persone che hanno vissuto e lavorato fianco a fianco con gli astronauti periti nell’incidente (GrissomWhite  e Chaffee).

Si accenna anche alla guerra del Vietnam, la lotta razziale e i movimenti del 68 che hanno fatto da sfondo al progetto Apollo: e qui gli astronauti hanno diverse percezioni, chi ha avuto coscienza di ciò che accadeva e chi no. In merito al Vietnam è interessante citare Gene Cernan (Apollo 17): “Ammetto di avere un complesso di colpa. Quella era la mia guerra, giusta o sbagliata che fosse, era la mia occasione di combattere per il mio paese. Ma quelli che erano là a combatterla avevano una visione differente: erano orgogliosi di quello che stavamo facendo e lo consideravano molto più importante di quello in cui loro erano impegnati.” 

La colonna sonora scritta ad hoc è molto bella: la scelta di una canzone molto simile ad una quieta ballata celtica in crescendo per i momenti del decollo del Saturn V è secondo me azzeccata e crea un interessante  contrasto con uno dei momenti piu’ intensi e rumorosi. 

Alcune delle curiosità nel film:

– tra le reazioni all’allunaggio di Apollo 11, è visibile anche il nostro Tito Stagno e il suo “Ha toccato!” (tratta dalla trasmissione in b/n che la RAI dedico’ all’evento).

– imperdibile il messaggio di cordoglio pre-registrato da Nixon nel caso in cui Eagle (il LEM di Apollo 11) fosse stato impossibilitato a decollare dalla superficie lunare e fosse rimasto bloccato lì (lasciando Armstrong e Aldrin senza scampo)

– il ricordo del soprannomme di Buzz Aldrin, Dottor Rendezvous, per via della sua ossessione per questa fondamentale manovra (Aldrin si e’ anche laureato al MIT con una tesi su questo argomento!)

– una frase di Charlie Duke (Apollo 16 e CapCom durante il primo allunaggio): “Mio padre nacque poco dopo il primo volo dei fratelli Wright e potè a stento credere che andavo sulla Luna. Ma mio figlio Tom di 5 anni non pensava si trattasse di qualcosa di così straordinario.” Significativo del crescente disinteresse per le missioni lunari, considerare routine dopo l’eccitazione dei primi tempi

Alla fine del film si lascia spazio a riflessioni più “spirituali” e sui titoli di coda il commento degli astronauti sulle teorie cospirazioniste. Gene Cernan che afferma stizzito: “La Verità non ha bisogno di difese. Nessuno può mettere in dubbio le impronte che ho lasciato sulla superficie lunare.” E Dave Scott saggiamente aggiunge: “Ogni evento epocale nella storia dell’uomo genera qualche teoria cospirazionista.” 

Un film che gli appassionati non devono assolutamente mancare (magari lottando con i sottotitoli in lingua originale) e che ha il suo punto di forza sicuramente nella presenza ispirante degli astronauti sopravvissuti.

E fatemi chiudere con un’altra citazione di Jim Lovell: “Dalle profondità siderali della Luna, puoi nascondere la Terra dietro il tuo pollice, e con essa tutto quello che hai conosciuto: i tuoi affetti, il tuo lavoro, i problemi della Terra, tutti nascosti dietro il tuo dito. Allora, ti rendi conto di come siamo realmente insignificanti. Ma allo stesso tempo quanto siamo fortunati ad avere questo corpo ed essere in grado di godere della gioia di vivere qui, immersi nella bellezza della Terra stessa”.  Parole valide allora come oggi.

15 Risposte to ““In the Shadow of the Moon” – DVD”

  1. Alessandra Says:

    Bravo, vedo che ti sei portato sulla retta via e mi parli di “teorie cospirazioniste”.
    Io apprezo, ma che direbbe Giaco’ se ti sentisse?
    Robbé tu ssi cagnato!

  2. Robbe’ la pensa come me e fa solo il bufun per l’audience. Sono anni che con la scusa delle cospirazioni occupa la prima serata di Rai 2:)

  3. ma x la versione in italiano o almeno cn i sottotitoli quanto bisognerà aspettare???

  4. Temo non la vedremo mai …
    A meno che qualche anima pia produca i sottotitoli in maniera autonoma.

  5. Per la vostra gioia,vi annuncio in quanto direttore di doppiaggio della edizione italiana,che Lunedi’ 3 giugno doppieremo questo meraviglioso documentario,nella sede e a cura della Post in Europe

  6. raghnor Says:

    Questa è una notiziona!!! Grazie per averla condivisa qui. Ha per caso informazioni anche su quando sarà disponibile?

  7. Da mediaset dicono che ci sara’ la messa in onda l’11 giugno

  8. bellissimo..c’è la possibilità di mettere pure un link per scaricare solamente l’audio completo?😀 non vedo l’ora di guardarmelo per la centesima volta ma in italiano

  9. Purtroppo dovrete per ora accontentarvi di vederlo sulle reti Mediaset.A me hanno detto 11 giugno,ma non saprei dirvi dove ne’ a che ora.
    Il lavoro che abbiamo fatto posso garantirvi che è eccellente.

  10. capito..benissimo aspetteremo con ansia😀

  11. lorenz90 Says:

    su quale dei canali mediaset lo potremo trovare?

  12. raghnor Says:

    @lorenz90 purtroppo al momento non si sa😦

  13. lorenz90 Says:

    speriamo che sulla guida tv lo diano presto! si deve assolutamente registrare!

  14. da quello che sappiamo la messa in onda è posticipata al 16 Giugno su Italia 1. Quindi in chiaro. Non so dirvi l’orario perchè non compare ancora il palinsesto. Buona visione e, soprattutto, buon ascolto !

  15. ad oggi il Documentario è assente dai palinsesti italiani

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...