Tre stelle tra tante nel cielo

Il Progetto Apollo incorse in un solo incidente mortale durate il suo percorso e proprio in occasione della prima missione: Apollo 1.

Avvenne il 27 Gennaio 1967 sulla rampa di lancio LC 34 a Cape Canaveral nel corso di un test considerato a basso rischio: una scintilla, sprigionata da un cavo elettrico il cui isolamento era stato usurato, causò un incendio nell’atmosfera di puro ossigeno nella capsula.

Quel giorno all’interno della capsula perì l’intero equipaggio di Apollo 1: il comandante della missione Virgil ‘Gus’ Grissom, il secondo pilota Ed White e il ‘rookie’ (il novellino) Roger Chaffee.

Apollo1 Crew in Transfer Van

Apollo1 Crew in Transfer Van

Non voglio soffermarmi qui sugli astronauti o sulle indagini successive all’incidente (conto di tornare sopra a tutto questo in futuro). Vorrei invece raccontare di come questi tre astronauti sono stati onorati dando il loro nome a tre stelle, una cosa che mi ha commosso fin dalla prima volta che ne lessi anni fa (nel romanzo Space di James A. Michener pubblicato nel 1982).

Omega Cassiopeiae, il cui nome ufficiale è Segin, è stata designata dalla NASA col nome di Navi. Si tratta del secondo nome di Grissom (Ivan) scritto al contrario.

Gamma Velorum, il cui nome ufficiale è SuhailAl Suhail al-Muhlif, viene chiamata Regor e in questo caso si tratta del nome di Chaffee al rovescio (Roger).

Iota Ursae Majoris, tradizionanalmente nota come Talitha Borealis e Alphikra Borealis, porta invece il nome di Dnoces e se avete capito che il gioco è sempre lo stesso, quello che risulta è Second … beh in effetti il nome completo di Ed White era Edward H. White II (the second, per dirla all’inglese).

Ho sempre pensato si trattasse di una idea postuma di qualcuno alla NASA ma di recente ho scoperto che tutto nacque da uno scherzo di Grissom (potete leggere i dettagli qui Apollo 15 Surface Journal oppure qui NightSky Friday: Rotanev, Derf, Navi, and other Backward Star Name cercando la parola ‘navi’ all’interno della pagina): queste tre stelle facevano parte della lista di quelle da utilizzare per valutare la posizione della capsula durante il viaggio dalla Terra alla Luna ma al contrario delle altre la NASA non aveva assegnato loro un nome specifico. Grissom pensò di usare i nomi suo e del suo equipaggio. Non immaginava certo che il suo scherzo sarebbe diventato un tributo al sacrificio degli uomini di Apollo 1.

Esistono altri luoghi (sulla Luna e su Marte in particolare) che sono stati battezzati con i nomi dei tre astronauti di Apollo 1 ma nessuno di loro credo sia più significativo per degli esploratori dello spazio di tre stelle.

3 Risposte to “Tre stelle tra tante nel cielo”

  1. Ciao!
    Il blog è splendido, ricco di curiosità scientifiche e molto elegante.
    Spero che continui cosi🙂
    D’ora in avanti, quando guarderò il cielo e quelle costellazioni, penserò anche al loro sacrificio.
    Ciao!!

  2. Solo un’imprecisione. La stella deniminata “Navi” non è epsilon Cass., ma OMEGA Cassiopeiae. Anche se alcune fonti di nformazioni riportano, sbagliando, che si tratti di epsilon. A presto.

  3. Grazie per la segnalazione! Ho provveduto a correggere il testo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...